di GIOVANNI PEPI

Sembra la bravata generosa di un incivile buontempone  che offre una sedia privata per dare al pubblico la possibilità di  osservare comodamente il mare. Invece no. Ti avvicini e scopri che questa poltrona di plastica è senza gambe. E’ appoggiata ai contenitori per evitare che cada. E’ un rottame. Un rifiuto “ingombrante “. Buttato lì secondo la strategia adottata a Palermo per i materassi. Quella “ della posizione di passaggio” . Devono passare da lì per prendere i sacchetti , no ? Già che ci sono prendano pure la poltrona . Siamo nel cuore dello splendore di Aspra , il mare di Bagheria . E non posso che ripetere la domanda che tante volte mi faccio e faccio a Palermo . Perché, dalle nostre parti, i punti più belli non devono essere belli ? Qui di bellezza ce n’è tanta . Il grande piazzale che guarda il mare, spazi dorati di sabbia con ombrelloni e bagnanti, scogli a striscia emergenti, a decine di metri , punteggiati dal bianco di stormi di gabbiani che vi si posano dopo il volo, colori vivaci delle lance da pesca , una stradina dal tratto antico che separa il piazzale da bar e ristoranti , un pittoresco mercato del pesce. Perché non difendere tanta bellezza ? Perché? Non c’è risposta, o la stessa risposta che sempre diamo in questo Blog. Le amministrazioni puliscono poco. I cittadini sporcano troppo.

Qui il Comune , a quel che sembra, si muove. Colloca i cestini, raccoglie, avverte, invita alla pulizia con l’evidenza del cartello che si vede nella foto. Ma non si è molto sensibili agli inviti. L’anno scorso, un gruppo di volontari aveva avuto l’idea di incollare in ogni contenitore un cartello con una immagine carnevalesca ed un  cartello in c’era scritto: “ Estate tutto l’anno”. ( LEGGI ) Per dire: non preoccupiamoci della pulizia soltanto nella stagione del sole e dei bagni. Pensiamo a tenere pulito anche in inverno . Un appello da sostenere, scrivevo, perché Aspra é una bellezza senza stagioni. Pensavo a un passo in avanti. Siamo a due indietro. Non solo, a quanto  pare, alla pulizia non si pensa di inverno .Ma neppure in estate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.