Di LELIO CUSIMANO e GIOVANNI PEPI

Dopo i furori austriaci, la questione migranti al centro, pensiamo alla Sicilia

“in che senso.? ”

Siamo, con la nostra povertà, tra i ricchi del mondo. Un approdo per i migranti..

“ E talora o spesso dimentichiamo l’essenziale. Ce top ricorda il Fondo monetario., Nel mondo  siamo 7,5 miliardi . Ben più della metà si concentra in tre aree: 1,4 miliardi vivono in Cina, 1,3 miliardi in India e 1,2 miliardi appunto in Africa. Con tragici squilibri nei redditi. Tra i 14 mila dollari di un cinese, i 6 mila di un Indiano, i 36 mila di un italiano.”

Economia e demografia si incrociano. In Europa meno nascite e più ricchezza. Così dal pieno si va verso il vuoto..

“ E L’Europa, Sicilia compresa, agli occhi degli africani , è un eldorado ..”

Già, penso a quell’africano che dice a Domenico Quirico: ‘L’Europa dove vivi tu è la felicità, nei nostri Paesi viviamo per mangiare e non per avere un avvenire..’

“ E’ così. E il mondo non cambia in un giorno. Il tasso di fecondità, per esempio,  ha andamenti consolidati…”

Si nasce meno, l’Europa è l’unica area dove avviene.

“In Italia dieci donne , mediamente, fanno 12 bambini. Per mantenere l’equilibrio nascite-morti, ce ne vorrebbero 21. In un Paese africano come la Nigeria, abbiamo 53 bambini per dieci donne, un tasso cinque volte il nostro. Istat”

Dunque la migrazione è inevitabile. Si tratta di governarla. Mettendo insieme oneri e fattori di vantaggio

“Che vuoi dire ? ”

Italia e Sicilia, perdendo abitanti, mettono a rischio la crescita. Hanno bisogno dei migranti. Non si può discutere il se ma il come. ..

“Certo. E accanto al problema della quantità c’è quello della qualità. L’Italia fa fatica ad attrarre gli stranieri di cui avrebbe più bisogno ….”

Questo a conferma che i migranti servono. Bisogna governare i flussi, dicendo i giusti si ma anche i necessari no. Porre in modo nuovo il rapporto tra migranti e lavoro. Invece…

“ Invece oscilliamo tra catastrofismi infondati sull’annientamento culturale e solidarismi irreali come l’accoglienza senza e senza ma. Così non si va da nessuna parte.”

Peggio. Si va dalla parte sbagliata. Con populismi rovinosi che distruggono i popoli.

Sono un giornalista totale che scrive, parla e fotografa. Una passione: la bici da corsa. Un sogno: riuscire a far capire anche quello che non capisco.

Seguici e clicca su

Comments

Rispondi