Giuseppe Catanzaro, Presidente Confindustria Sicilia (da gds.it)

Dopo le tristi cifre dello Svimez, chiamo Giuseppe Catanzaro, presidente di Sicindustria… È insoddisfatto ma realista. Mi dice: “Le do l’ultima: nel 2007 esportavamo per 9.6 miliardi. Nel 2016 siamo passati a 7 miliardi. Se ne parla nel dibattito pubblico? Non mi pare…” E nel mercato interno? “Guardi il report di Bankitalia…” Che dice? “Nel 2016 12 punti di Pil in meno in Sicilia rispetto al tempo pre crisi, in Italia erano 7…” Siamo al baratro? ”Nemmeno questo. Smettiamola con piagnistei…” Non chiederete sussidi? “No. Quella fase ha fatto male all’isola. Vogliamo una politica dei fattori, non dei settori…” Cioè? “Misure mirate per far crescere le imprese. Viene da queste lo sviluppo dell’isola..” Strumenti nuovi, riforme dal tempo lungo? “Intanto partiamo dagli strumenti che ci sono…” Quali? “Iper e super ammortamenti, piano industria 4.0, sostegni a sviluppo e ricerca…” Ma  non ci sono risorse sufficienti. ”Nemmeno questo è vero. Ci sono 7 miliardi con il Patto per il Sud. Una grossa occasione per risalire una china…” Quale? “100.000 occupati perduti, nell’edilizia, nel 2016. Ci vuole una seria intesa con la burocrazia, questo sì…” Non si è efficienti? “No, dobbiamo smetterla con la pratica di nulla fare per di niente rispondere. Le procedure che si bloccano sono un danno sociale. E poi i tempi. Non si va da nessuna parte se, per un’autorizzazione, ci vogliono mesi, se non anni…” La lentezza dovuta a troppi poteri, un effetto dell’Autonomia…? “Ma no, con criteri analoghi, Regioni come il trentino fanno benissimo…” L’autonomia Speciale allora, va bene…” No. L’ho già detto: è inutile. Così com’è non serve. Ma bisogna ponderare le riforme, soluzioni affrettate peggiorerebbero le cose. Adesso mi preoccupa una cosa…” Cosa? “Che la campagna elettorale diventi il limbo per imprese e cittadini. Occorre sottrarre le azioni per la crescita alla competizione elettorale. Fatti e non polemiche: è una necessità…”

Sono un giornalista totale che scrive, parla e fotografa. Una passione: la bici da corsa. Un sogno: riuscire a far capire anche quello che non capisco.

Seguici e clicca su

Rispondi