( il particolare di una delle foto di Nicola Scafidi nella mostra dedicata al terremoto del Belice in corso a palazzo Sant’Elia . Per vedere le altre clicca qui o sulla sulla foto. )

L’INTERVISTA ……  ad ANTONIO TICALI           

A Palazzo Sant’Elia, a Palermo due mostre in corso. Ricordi futuri, memorie su Sicilia ed Pausa sismica, memoria del terremoto del Belice, a 50 anni dal giorno in cui l’inferno prese dimora in quella valle. Chiedo al direttore, l’avvocato Angelo Ticali :memoria e memorie protagoniste del presente. Perché ?

“ Cito Primo Levi: ‘quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo; e se comprendere è impossibile, conoscere è necessario ‘ ” Riflettere  sul passato, per non commettere gli stessi errori.  C’è oggi chi ricomincia a parlare di razza. Non dobbiamo riflettere ?

Pittura e fotografia insieme per raccontare, emozionare, denunciare e commuovere. Due linguaggi diversi al servizio dello stesso oggetto. Una eccezione o una scelta ?

“Senza la fotografia, la pittura non si sarebbe evoluta. La prima ha liberato la seconda dalla  necessità di imitazione della realtà. Offrendo così possibilità di sviluppo a movimenti di avanguardie quali futurismo, espressionismo, cubismo, dada.

La fotografia sempre più presente, a Palermo, negli spazi espositivi importanti. Vedremo altro quest’anno ?

“ Nel 2019 i 180 anni dalla sua invenzione. Noi già quest’’anno , tra le iniziative di “Palermo Capitale “ dedicheremo alla fotografia alcuni eventi

Quali ?  

“Robert Capa, all’Albergo delle Povere. Spencer Tunick ai Cantieri culturali della zisa. Ferdinando Scianna alla GAM, Christopher Williams a Palazzo Sant’Elia ,in collaborazione con l’Istituto di Cultura Svizzera, nell’ambito del progetto SYROS Momas

4 ) Sento sempre dire agli operatori d’arte come Lei,  al vertice di grandi strutture , che ogni stagione è sempre una prova, in ogni stagione c’è una scommessa. Qual’è , quest’anno , la scommessa del Sant’Elia  ?

Siamo stati investiti del management di Palermo Capitale Italiana della cultura 2018. Eppure, a  gennaio, mentre lavoravamo alla redazione del programma dei 750 eventi previsti e alla inaugurazione del Teatro Massimo, abbiamo aperto Pausa Sismica e Ricordi Futuri

Non c’è male. E poi ?

“ Sarà un anno pieno di impegni. Importanti eventi , legati a Palermo Capitale e all’Anno Europeo del Patrimonio, si svolgeranno intorno al tavolo di Michelangelo Pistoletto, arrivato per l’occasione. Fra poco partiamo con l’allestimento della mostra di  Shozo Shimamoto ,  poi Syros Momas.  Già a Marzo, Migrarti ed i lavori preparatori della Festa europea della Musica …”Fermiamoci qui. Buon lavoro 

 ( Antonio Ticali ) 

 

( potete vedere una sequenza  di foto tratte dalla mostra Pausa Sismica )

 

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.