ANTONIO PRESTI Schermata 2017-07-19 alle 18.13.48
Antonio Presti

A Taormina si è pronti. Con “ Le Rocce” si parte. Un salto di storia. Prima ritrovo estivo della Regione, poi gran ritrovo per le firme del cinema, poi rovina, distruzione, degrado. Ora un consorzio, un’intesa con la Fondazione di Antonio Presti, il mecenate, e la prospettiva di attività alberghiere, mostre d’arte, stanze realizzate da artisti, lavori culturali che si spalmano nel territorio. Aspettiamo il corso delle cose.

La Sicilia di mecenati ha bisogno. Non ce ne sono molti, deve sapere sostenere i pochi. Mecenati come Presti, destinando all’impresa soldi propri senza risparmi, hanno potuto molto. Ma non possono tutto. Sono ora necessari attenzioni pubbliche, fondi privati, energie civili, passione ed entusiasmo. Ci saranno?
Stringiamo i denti. Aspettiamo il corso delle cose. Ogni speranza in Sicilia, scriveva Sciascia, non può essere disgiunta da qualche disperazione. Ma l’essere vigili non ci rende ciechi. In questa Sicilia che istituzioni e partiti portano nel buio, ci sono luci che s’accendono e non bisogna spegnere. C’è un’isola che si sbraccia, che crede, che vuole cambiare le cose e non si limita alla protesta. Fa. Denuncia, inveisce, magari impreca. Ma fa. Così, incontriamo gruppi di giovani che aiutano disabili e ragazze madri, signore che si associano per pulire le strade, amanti del verde che mettono ordine nei giardini, club service che donano… C’è insomma una “ Sicilia del Volere”. Collegandosi ad essa, partiti e istituzioni possono trovare un percorso virtuoso per uscire dal buio. Questa Sicilia del volere, nel nostro piccolo, la vogliamo pure noi che in questo Blog ci incontriamo. La vogliano pure loro che, amministrando e governando possono, più di noi, cambiare il corso delle cose.

( degrado e bellezza de Le Rocce in uno degli scatti di Giovanni Pepi in mostra da mercoledì 26 luglio a Castelmola. Altre immagini in mostra a Le Rocce di Taormina da Giovedì 27 )

Sono un giornalista totale che scrive, parla e fotografa. Una passione: la bici da corsa. Un sogno: riuscire a far capire anche quello che non capisco.

Seguici e clicca su

Rispondi