di MIMMA CALABRÒ

segretario generale Fisascat Cisl Sicilia

Su richiesta delle organizzazioni sindacali Filcams Fisascat e Uiltucs abbiamo incontrato l’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo TuranO. Hanno partecipato anche i rappresentanti dei datori di lavoro. Si torna a parlare di apertura domenicale dei negozi. La posizione della Fisascat non è mutata. Eravamo e siamo per la chiusura. Ad oggi, e fino al 7 giugno , un’ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci stabilisce la chiusura. E dopo?

Laddove la regione siciliana dovesse determinare ulteriori proroghe per le chiusure,  rendendoci conto che il momento è difficile per tutti, con buon senso, necessiterà trovare il giusto equilibrio per non aggravare ulteriormente una stagione segnata dall’emergenza sanitaria prima ed economica poi. Ma restiamo contrari ad un’apertura sine die, 365 l’anno. La drammatica stagione che stiamo vivendo ha dato il giusto ruolo ai veri valori,  come quelli della famiglia che vanno tutelati. E per tutelarli occorre che durante la settimana ci sia un giorno, per l’appunto quello domenicale e festivo, per stare tutti insieme. Si può e si deve trovare un punto di equilibrio, basta volerlo

_________________________

ANCORA FERME LE SALE BINGO 1500 OCCUPATI SENZA RISCHIO

di MIMMA CALABRÒ

segretario generale Fisascat Cisl Palermo e Trapani

In piazza, in rappresentanza di centinaia di lavoratrici e lavoratori delle sale bingo 90 lavoratori, tanti quanti sono i numeri del bingo.” Ma i lavoratori non sono numeri. Il lavoro non è un gioco”. Questo lo slogan lanciato nel corso dell’iniziativa a Palermo in Piazza Politeama. Al tempo del coronavirus, il Sindacato ha organizzato un flash mob in forma statica, nel rispetto delle distanze sociali previste dalle misure di contenimento, per accendere i riflettori su un settore che sembra essere stato dimenticato.La fase 2 ha dato il via alla riapertura di tante attività –  ma nessuna notizia giunge sul fronte delle sale bingo. L’unica certezza è lo stop fino al 14 giugno, considerato che l’ultimo Decreto non ne ha previsto la riapertura. Non nascondiamo la nostra preoccupazione per la tenuta occupazionale del settore che occupa in Sicilia oltre 1500 addetti. 

la manifestazione di ieri a Palermo, in piazza politeama

Non posso nascondere l’apprensione per la tenuta del settore , stante la paventata possibilità che tante aziende, in ginocchio per la mancata ripresa di attività e senza alcuna ipotesi di riavvio, decidano di restare chiuse per sempre perché a fronte delle spese che devono continuare a sostenere non hanno alcuna liquidità. Siamo molto preoccupati, lo dico insieme a  Salvo Lo Verde e Massimo Catalano rispettivamente RSA Fisascat Cisl Palermo Trapani del Las Vegas Bingo e del Kursaal Bingo So.Le., perché nessuno di noi ha ancora ricevuto dall’INPS neppure i soldi dell’ammortizzatore sociale dei mesi di marzo e aprile, dall’altro perché temiamo per il nostro futuro. Non vorremmo che venissero vanificati i nostri sacrifici e quelli delle tante aziende del settore che sono state vicine ai bisogni dei propri collaboratori. Ed è proprio per stare accanto ai propri collaboratori, che tanti imprenditori del settore, sono scesi in piazza, per far sentire loro che non sono soli. La presenza delle parti datoriali testimonia quanto sia importante affrontare, insieme, la crisi dovuta all’emergenza sanitaria. Di fatto non esiste il lavoro senza le aziende così come non esistono le aziende senza lavoratori. un binomio indissolubile. E’ paradossale  che a fronte del protocollo già firmato a livello nazionale tra sindacato e parti datoriali del settore che ha definito le misure atte a garantire sicurezza ai lavoratori e alla clientela non vi sia, ancor oggi, alcuna indicazione sulla possibilità di riavvio delle attività. Al Governo regionale rassegniamo le istanze e preoccupazioni dei lavoratori e delle loro famiglie che chiedono solo di poter tornare il prima possibile a lavorare.

_____________

SALE BINGO DIMENTICATE. UN FLASH MOB DELLA CISL

di MIMMA CALABRÒ

segretario fisascat cisl palermo trapani

Un flash mob per il lavoro, organizzato dalla Fisascat Cisl Palermo Trapani, al quale parteciperanno, in rappresentanza degli impiegati delle sale Bingo, 90 lavoratori, tanti quanti i numeri del bingo. L’appuntamento è per domani, a partire dalle ore 12 a Palermo in Piazza Politeama. Un flash mob statico, nel rispetto del distanziamento sociale, per accendere i riflettori su un settore, proprio quello delle sale bingo, che sembra essere stato dimenticato.

Con l’avvio della Fase 2 ha riaperto la stragrande maggioranza delle attività imprenditoriali e commerciali. Nel limbo le sale bingo. Unica certezza è lo stop fino al 14 giugno, considerato che l’ultimo Decreto non ne ha previsto la riapertura. Non nascondiamo la nostra preoccupazione per la tenuta occupazionale del settore che occupa in Sicilia oltre 1500 addetti”.