di NINO SUNSERI

Marchionne , con un semplice tratto di penna , ha cancellato due secoli di socialismo introducendo una più moderna  tutela dei lavoratori. Ha annunciato che distribuirà un bonus di 2000 euro ai settantamila dipendenti Fca negli Usa. Per finanziare la gratifica utilizzerà il risparmio fiscale derivante dalla riforma preparata dal presidente Trump. Gli operai, cumuleranno il regalo aziendale con i benefici che, comunque, spetteranno loro dal taglio delle tasse. Di colpo le teorie sul welfare che si sono consolidate dall’inizio del XIX secolo ai giorni nostri mostrano molte rugosità. Non tocca più allo Stato provvedere ai cittadini dalla culla alla tomba secondo le impostazioni delle grandi socialdemocrazie europee. Pensare alla propria tutela presente e futura diventa responsabilità dell’individuo. Non è un caso che l’iniziativa sia maturata negli Stati Uniti. Gli operai della Fca con il bonus  potranno fare quello che vogliono: destinarlo alla caparra per l’auto nuova, andare in vacanza oppure acquistare un piano assicurativo e previdenziale. Siamo sicuri che la sinistra italiana e il sindacato, non capiranno l’iniziativa essendo accecati dal pregiudizio anti-Trump non meno che dall’ostilità nei confronti di Marchionne. Senza comprendere che la loro nuova vita passa proprio da qui. Dalla rottamazione dell’esistente scambiando l’alleggerimento dei compiti dello Stato con l’appesantimento del welfare individuale e aziendale. Ed e proprio nella costruzione delle nuove tutele che troverebbero un nuovo destino. Ma forse é chiedere troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.