di ENZO GIAMBANCO

Caro Giovanni, la Sicilia va male e non possiamo stare a guardare. La prospettiva di estensione delle autonomie regionali in barba al dettato costituzionale di eguaglianza significa in definitiva la resa al concetto neoliberistico che rende i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. La storica inadeguatezza delle infrastrutture dell’isola non può essere risolta senza intervento statale  e quest’ultimo innescherebbe peraltro un processo positivo di occupazione.

enzo giambanco

Bisogna assolutamente insistere su tale tema. Va detto a chi, Gaetano Armao, ha il timone dell’economia isolana ed al Presidente Musumeci, di cui è da apprezzare la capacità di intervenire a sanare inverosimili fratture, come per l’INDA, e proporre soluzioni concrete incredibilmente trascurate come un Centro Congressi nella ex- Fiera del Mediterraneo. Non basta! Occorre una politica senza condizionamenti che rivendichi quanto dovuto per attuare la Costituzione: un autentico secondo Risorgimento