TULLIA RIZZO

presidente sezione lavoro della Corte di Appello di Messina

Non so capire come ci ritroveremo quando il dilagare del Coronavirus avrà fine. E’ presto perché si  possano prevedere i futuri cambiamenti. Viviamo ancora la speranza che Il fenomeno si arresti al più presto e prima ancora di doverne conoscere da vicino la dimensione della gravità. Questo, penso, sia al momento il collettivo modo di vivere l’emergenza Covid-19. Si, siamo accorti ed attenti, abbiamo rinunciato a tutte le abitudini di vita, incontrare gli amici, andare al cinema, a teatro, in trattoria, tuttavia, e fortunatamente, viviamo ben protetti a casa nostra, con i nostri cari, con le nostre agiatezze e dotati di tutti i beni di prima necessità, e non solo. In questa condizione, permeata da una confusa percezione degli eventi, da un miscuglio di sentimenti, ora realistici, ora illusori, credo, veramente credo, nel valore e nella forza genuina dell’amicizia . Sono certa che quando ci reincontreremo con i nostri  amici, ci vedremo con occhi più intimi, più ravvicinati.