ASSESSORE LAGALLA, dicevamo nella prima parte  di questa intervista ( leggere qui sotto ) della vostra azione per l’innalzamento delle competenze . Altri progetti…?

“Il Giovani 4.0, destinato agli under 35. Attraverso questo bando, articolato in diverse finestre e tuttora in corso, intendiamo favorire l’incrocio tra livello delle competenze e tipologia delle offerte di lavoro…”

Finanziando cosa ?

“Attività di alta formazione in particolare, master e corsi di perfezionamento post-laurea, nonché corsi di lingua straniera…”

Cominciando dall’inglese..”

“ Dall’inglese al cinese, e percorsi per il conseguimento di licenze, patenti e brevetti. Se oggi in Sicilia si assume poco è anche perché non si è sviluppato un equilibrato rapporto tra mondo della formazione, da un lato, e mondo del lavoro dall’altro…”

E contraddizioni non mancano. In Sicilia ci sono disoccupati che cercano lavoro e non lo trovano, ed imprese che cercano  disoccupati in grado di fare certi mestieri e non li trovano.

“ Proprio all’inizio del mese di luglio abbiamo annunciato, nel corso di un partecipato incontro con il partenariato economico-sociale, le linee guida dei prossimi bandi finalizzati a costruire una nuova stagione della formazione..”

E quali sono queste linee ?

“Favorire in primo luogo  l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro…”

Con quali sistemi ?

” Saranno attivati percorsi di formazione da svolgersi direttamente in azienda sulla base dei propri fabbisogni di produzione e innovazione. Essi saranno finalizzati tanto all’aggiornamento dei dipendenti, quanto a soggetti in cerca di occupazione…”

E l’apprendistato ?

“Lo incrementeremo. Sia quello di primo che di secondo livello. E introdurremo la applicazione dell’impresa didattica all’interno delle scuole, in coerenza con i soddisfacenti risultati già ottenuti con la sperimentazione del sistema duale..!”

Quali sono i dati ?

“ Dal luglio 2018 e al 31 marzo 2019 in Sicilia, sono stati stipulati oltre 440 contratti di apprendistato di primo livello, portando in impresa un significativo numero di giovani, il 24% nel settore alberghiero e della ristorazione , il 17% in quello manifatturiero…”

In quale città i risultati migliori ?

“ Palermo in primo luogo,  con il 56% dei contratti. Seguono la provincia di Catania con il 17%,  Caltanissetta con 14% ed infine Enna che influisce appena per l’8%.Ma non c’è solo questo..”

Cos’altro ?

“ Questi dati si sommano a quelli relativi ai percorsi di Istruzione e Formazione professionale (IeFP), che rappresentano un altro importante segmento del sistema duale ..”

Con quale ordine di grandezza ?

“Rilevante. Conta , in Sicilia, un numero di iscritti pari a circa il 17% dell’utenza nazionale, dato secondo solo alla Lombardia che ne conta il 48%.

1 “LAGALLA SU GIOVANI E LAVORO La Formazione non basta..

L’UTIMA notizia viene dall’Ocse ed è bruttissima. I livelli di disoccupazione più alti si concentrano al Sud. La Sicilia è quella con i valori meno confortanti. Il dato la sorprende? Lo chiedo a Roberto Lagalla, assessore all’Istruzione e alla Formazione e all’istruzione in Sicilia, radiologo, professore all’università, già rettore dell’ateneo di Palermo. La risposta è secca ed esplicita.

 roberto lagalla, assessore alla formazione ed istruzione della regione sicilia

“No, purtroppo. Il dato conferma l’emergenza occupazionale della Sicilia, aggravata sia dall’elevata percentuale di NEET ( giovani che noin lavorano e non studiano ndr) di cui abbiamo parlato nella scorsa intervista, sia dalla costante fuga di cervelli verso le regioni del Nord o all’estero. Questo è il quadro..”

E allora quali azioni ?

“ Quelli di natura formativa in primo luogo. Ma la formazione non basta. Serve  un colpo d’ala..”

Verso dove ?

“ Verso adeguate e sistematiche politiche di sviluppo, capaci di attrarre investimenti nei nostri territori, in modo da garantire maggiore crescita economica e, di conseguenza, più elevate opportunità di lavoro..”

Compito dei governi. A cominciare dal Suo..

“ Certo. E , pur tra inevitabili ed antiche criticità, il mio governo sta lavorando proprio in questa direzione..”

Con quali effetti ?

“ I segnali positivi potranno rendersi evidenti nel medio-lungo periodo.”

Al punto in cui siamo, allora , non parliamo del lavoro  che c’è..

“In che senso ?”

 Le aziende in Sicilia ci sono e vivono ma si assume poco. Dove principalmente e come?

“In misura maggiore nel settore turistico e della ristorazione….”

Qui si è a una conferma di quanto ci diceva l’assessore al lavoro Scavone…qui

“Già. E a questi si aggiunge il comparto dell’agroalimentare, altra nostra eccellenza, sulla quale, da qualche anno, si sta ricominciando ad investire. E  lo fanno soprattutto i giovani….”

E il suo governo ringrazia..

“Si , il nostro governo sostiene questa tendenza…”

Con quali strumenti ?

“Promuovendo bandi, stanziando finanziamenti per incentivare start-up e piccole imprese interessate a generare nuova economia. Da parte nostra non mancano iniziative specifiche…”

Quali ?

“ Come assessorato all’istruzione e alla formazione professionale, stiamo tentando di promuovere l’innalzamento generale delle competenze….-“

E  come ?

“Lo abbiamo fatto con il bando “Leggo al quadrato” destinato alle scuole di ogni ordine e grado. Con finanziamenti utili a consentire le competenze su italiano e matematica, e delle lingue straniere…”

Competenze di base, è il caso di dire dire..

“Si ma non solo. Ci sono iniziative e percorsi riguardanti le discipline artistiche, l’educazione ambientale e motoria, la cittadinanza attiva…”

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.